I social? Una rete reale di persone

Oggi è avvenuto un altro di quegli avvenimenti che racchiudo nella categoria “Colori dell’Umanità”.

Ho scritto sul mio profilo Facebook il seguente annuncio:

“AAA Cercasi su Roma urgentemente un’attrice. Età compresa tra i 18 e i 35 anni, con un grande cuore, per girare un piccolo spot sulla donazione di midollo osseo.
Mi date una mano?
GRAZIE “ASSAI”!”

Nel giro di pochi minuti ho avuto più di 20 mi piace, 11 condivisioni, 25 commenti  e molti messaggi privati. I miei amici di Facebook hanno risposto al mio appello, indicandomi  nomi di ragazze bellissime e di  talento, loro amiche. Erano lì, pronti a darmi una mano per trovare una ragazza che potesse essere la protagonista del nuovo spot di “Ehi tu! Hai Midollo?”.

Nelle ore successive sono stata contattata dalle attrici che, con delicatezza e in maniera molto professionale, mi hanno chiesto maggiori informazioni, inviato i loro cv e showreel. Tutte hanno dimostrato reale interesse per la causa e sono fermamente convinta che non fingessero. Sentivo e sento la loro sincerità!

Come mi capita spesso quando conosco qualcuno, ho iniziato a chiacchierare un po’ con loro e qualcuna mi ha anche raccontato, aprendosi ad una sconosciuta, motivi molto personali per i quali aveva risposto all’annuncio, con gioia e con la voglia di dare una mano.  Io leggevo le loro righe piene di sogni, di idee, di stimoli, di motivazioni ed è stato inevitabile pensare che esistano tante persone e storie belle, da scoprire e da leggere.

Un’altra volta il social network per eccellenza è stato, per me, una reale rete, composta da persone, pronte a  condividere le loro conoscenze, a mettere in contatto, e a divulgare umanità.

Ai miei amici di Facebook e alle giovani attrici va il mio grazie per aver risposto al mio annuncio e, soprattutto, per avermi fatto vedere un altro colore dell’umanità.

 

 

Photo Credits: Pixabay